Electrolux Newsroom Italia

Electrolux arricchisce di hi-tech l’Università a Pordenone con “Mathematica”

Photos

Electrolux riconosce alla formazione, all’innovazione e allo sviluppo tecnologico un ruolo fondamentale per poter sviluppare solidi business e competere in un’economia sempre più globalizzata e tecnologicamente avanzata.

Proprio per questo e in nome del forte impegno che da sempre la lega ai territori in cui sono localizzate le sue fabbriche, Electrolux ha donato all’Università di Udine – fucina da cui trae molti talenti fin dai tempi di Zanussi – venti licenze di “Mathematica” (versione 7.0) destinate agli studenti del Centro Polifunzionale di Pordenone.

“Un avanzato strumento software per la didattica e la ricerca che permette agli studenti dei corsi di laurea in Ingegneria meccanica e Scienze e tecnologie multimediali di perfezionare la propria preparazione nelle discipline scientifiche”, ha spiegato il professor Pier Carlo Craighero, coordinatore dei corsi di Matematica della sede pordenonese dell’ateneo di Udine, dando il benvenuto alla conferenza stampa di presentazione che si è svolta lunedì 5 luglio nella sede pordenonese dell’Università.

All’introduzione del professore sono seguite alcune esemplificazioni delle potenzialità del software riportate da quattro studenti della facoltà, davanti alla platea formata oltre che da alcuni studenti dell’Università anche da Luigi Campello, direttore generale di Electrolux Italia, Dino Baggio, direttore del CTI (Cross Technology and Innovation) di Electrolux, Laura Pagani, professoressa e rappresentante del Centro polifunzionale dell’Università di Udine a Pordenone, ed Enrico Sartor, direttore del Consorzio universitario di Pordenone.

“Sono veramente colpito dai passi da gigante fatti dalla tecnologia che permettono di studiare in modo più efficiente ed efficace. Oggi abbiamo degli strumenti nuovi, ora tocca a voi essere pronti a cogliere le opportunità che vi permetteranno di essere competitivi in un mondo del lavoro sempre più globale”, ha sottolineato Dino Baggio agli studenti in aula.

“Electrolux riconosce alla formazione e alla ricerca un ruolo fondamentale. Siamo convinti che anche in questo difficile ciclo economico si debba continuare a investire nel mondo universitario, per contribuire a formare quei giovani che domani saranno, come talent e come manager, il motore del cambiamento del sistema imprenditoriale”, ha dichiarato Luigi Campello che ha inoltre ricordato la lectio magistralis che Lino Zanussi tenne in occasione della laurea honoris causa. “Mi piace ricordare due frasi importanti che Lino Zanussi disse in quell’occasione. – ha continuato Campello – Disse che quando si parla di pianificare il futuro bisogna stare attenti perché in realtà non si tratta di pianificare ma di volontà di futuro. E poi aggiunse che su tutto si può discutere di un’impresa – l’organizzazione, i prodotti – tranne che di una cosa, la grande responsabilità che ha verso i dipendenti e verso il territorio”.

“Siamo grati a Electrolux – ha affermato la professoressa Laura Pagani, rappresentante del Centro polifunzionale dell’Università di Udine a Pordenone – per aver donato alla sede pordenonese dell’ateneo friulano un software così avanzato e sofisticato. La collaborazione tra Consorzio e Centro polifunzionale – ha continuato Pagani – permetterà l’accesso a questo importante strumento sia ai ricercatori che agli studenti che avranno così la possibilità di arricchire le loro conoscenze ed esperienze formative”.

Be Sociable, Share!

Save and share this post