Electrolux Newsroom Italia

Gli stabilimenti Electrolux hanno celebrato 5 anni di pionierismo nella “lean manufacturing”

Photos

L’EMS (Electrolux Manufacturing System) ha incrementato qualità, efficienza, sicurezza e sostenibilità, fattori chiave che consentono di guardare alla dura sfida del mercato. A partire dal lancio avvenuto nel 2005, quando Electrolux divenne il primo produttore di elettrodomestici a dotarsi di un lean manufacturing system, è cambiato il modo in cui vengono fabbricati i prodotti.

Si sono svolte il 18 ottobre negli stabilimenti italiani le celebrazioni per il quinto anniversario dall’introduzione dell’EMS, un sistema produttivo “snello” che ha consentito di migliorare al tempo stesso l’ambiente di lavoro e il prodotto, portando Electrolux ai migliori livelli mondiali.

Essendo la comunicazione uno dei capi saldi del sistema EMS, per l’occasione sono stati inoltre rinnovati i poster sugli strumenti e sui principi su cui si base il sistema. Sugli schermi di fabbrica è stato mandato in onda un video in cui Hans Stråberg, President e CEO di Electrolux, ha sottolineato l’importanza dell’impegno di tutti i dipendenti nei successi ottenuti negli ultimi cinque anni grazie all’implementazione dell’EMS. Un apposito video inoltre è stato realizzato e mandato in onda all’interno della fabbrica per evidenziare il cambiamento e il grande coinvolgimento dei dipendenti dello stabilimento.

Alcuni dati a livello di Gruppo danno un’idea più precisa del ruolo dell’EMS nel miglioramento del sistema produttivo. L’indicatore di performance Not Righ First Time (NRFT), che misura la necessità di riparare i prodotti dopo la produzione, è calato del 45% dal lancio dell’EMS. L’indicatore Stock Days Work in Progress and Supplies (SDWS), che misura il livello di merce presente nei magazzini, si è ridotto di più del 54%. Il Total Case Incident Rate (TCIR), un indicatore di sicurezza che si basa sul numero di infortuni per ore di lavoro, è sceso del 68%. L’EMS ha anche contribuito ad una riduzione dell’impatto ambientale dei processi industriali, monitorando meglio il consumo di energia e implementando i risparmi energetici.

“La chiave del successo e ciò che differenzia l’EMS da altri programmi Lean è il nostro focus sulle persone. Molte aziende si imbarcano su progetti simili che in definitiva falliscono dopo soli 2 o 3 anni a causa della mancanza di coinvolgimento dei dipendenti. Fortunatamente con l’EMS è stato differente e se guardiamo ai prossimi 5 anni, continueremo a consegnare prodotti di alta qualità ai clienti in tutto il mondo con focus particolare sull’efficienza, la sicurezza e i miglioramenti verso la sostenibilità. Non ci nascondiamo l’asprezza della competizione, ma siamo fiduciosi che saremo in grado di fronteggiare le sfide che ci attendono”, dichiara Gareth Berry, VP Global EMS.

L’EMS si basa su tre elementi fondamentali: Stabilità, Miglioramento dei Processi e Cambiamento Culturale. La Stabilità riguarda l’eliminazione degli sprechi grazie alla standardizzazione dei metodi di lavoro in tutto il Gruppo e alla creazione e al mantenimento delle migliori condizioni lavorative. Il Miglioramento dei Processi comporta il miglioramento continuo dei metodi di lavoro per ottenere l’eccellenza nella qualità, nei costi e nelle performance di consegna. Il Cambiamento Culturale è costruito su una buona leadership, un lavoro di team efficace, training approfonditi e sul coinvolgimento di ogni membro del team.

Dal lancio dell’EMS, sono stati tenuti più di 12.400 workshop sul Miglioramento Continuo, coinvolgendo più di 36.000 persone. Oltre 3.300 manager e 3.500 team leader sono stati formati e quasi 12.000 dipendenti hanno ottenuto una certificazione in base alle loro conoscenze sull’EMS. Oggi l’EMS va al di là del processo produttivo e si sta espandendo in altre aree del business.

Be Sociable, Share!

Save and share this post